martedì 27 settembre 2022

Get a Life - Edizione cartacea per l'anniversario - "10 anni prima, 10 anni dopo"

Dal Bollettino di Amys n. 66, l'annuncio dell'albo speciale, in formato esclusivamente cartaceo, che celebra il decennale della nostra serie virtuale di Get a Life!.

In 10 anni prima, 10 anni dopo, altrimenti noto come Dov'è finita Maria Foteynos (e vergognatevi, se non riconoscete questo nome), Antonietta Fernandez e Ian Rogers ci riportano ai primordi della saga di Get a Life!, per indagare su un mistero dei primordi della saga di Martin Mystère. Con una copertina stra-citazionista e un immancabile ospite speciale come lo Scheletro di Cristallo, questo albo contiene anche articoli, rubriche che illustrano tutti i retroscena della storia, un racconto serializzato in un solo albo (!) che svela il fato a Cristina Ramos (vergognatevi un'altra volta, se non riconoscete neppure questo nome) e persino un frontespizio illustrato da Carlo Velardi.

Con la partecipazione speciale di Martin Mystère, Sergej Orloff, Chris Tower, l'Accumulatore, il Magazzino di Altrove, la città di Ginevra, gli Uomini In Nero, la Maschera di Orloff, Kut Humi, tutte le sette segrete del mondo e una seconda Antonietta Fernandez, questo albo è primo e unico ponte che unisce il 2022, il 1992, il 1982, il 2012 e il 2002!

Sul Bollettino Amys n. 66, tutte le indicazioni per procurarsi questo imperdibile albo celebrativo, nonché per iscriversi alla benemerita associazione Amys (il fanclub ufficiale di Martin Mystère).





giovedì 22 settembre 2022

Martin Mystère e gli omicidi: un'antica tradizione (2)

Prosegue la rubrica sulla disinvoltura con cui Martin Mystère se ne va da scene di morte violenta, dando poche spiegazioni o nessuna alle forze dell'ordine, in qualunque paese si trovi. Nella prima parte, abbiamo parlato dell'influenza internazionale di Travis e di un caso nel dittatoriale Egitto.

Adesso invece siamo a Creta e in Cina, dove nel 1989 al BVZM è accaduto di tutto.

Ne Il giorno dei delfini (Martin Mystère n. 83), Martin Mystère e Java sono gli unici superstiti di un'esplosione che ha raso al suolo un palazzo in stile minoico in un angolo sperduto dell'isola di Creta, ma molto più antico e ricco di reperti di grande valore (nonché di tecnologia Atlantidea di 75.000 anni fa). Scomparsi nell'esplosione (e noi sappiamo che sono morti ammazzati violentemente), sono gli scienziati statunitensi Alistair Murphy ed Elanie Hartmann. Quest'ultima era giunta a Creta con Martin, viaggiando in aereo con lui. All'esterno, è morto violentemente anche un tale del posto, Dimitri Tilos, dopo essere precipitato da un dirupo a causa di un assalto di Java.
A quanto pare, Martin ha spiegato così bene la faccenda alle forze dell'ordine che queste lo hanno rilasciato nel giro di poche ore, sulla fiducia.

Ne La setta degli assassini (Martin Mystère n.88), si conclude L'uomo delle nevi: in Cina, tra i monti del Pamir, Martin Mystère e amici (Java, Nat Shapiro, Sarah Hunt) incontrano un gruppo di Yeti che discendono da una spedizione di astronauti atlantidei. La funzionaria cinese che li scorta, Lien Pei, che si rivela fare parte degli Uomini In Nero, tenta di sterminare tutti i testimoni della scoperta, ma nello scontro che segue, è lei ad avere la peggio, morendo dopo la caduta in un crepaccio. Incredibilmente, in un paese paranoico come la Cina, Martin Mystère e amici se la cavano semplicemente raccontando una versione semplificata della verità. Le autorità cinesi non avviano alcuna indagine e gli stranieri statunitensi, unici superstiti di una faccenda a dir poco oscura, vengono allegramente lasciati tornare in patria. 

Ne Il cuore di Cristopher (Martin Mystère n. 90), la nipote di Diana Lombard (rettificata in cugina nella ristampa di TuttoMystère, dato che Diana è figlia unica) ha sognato l'esatta modalità dell'omicidio del ragazzo di Jane, avvenuto contemporaneamente. La reazione di Martin Mystère è rivolgersi al suo amico ispettore di polizia, per pregarlo di occuparsi personalmente delle indagini: il potere di Travis è quindi tale da potersi assegnare i casi da solo, come più gli fa comodo, per poi raccontarne i risultati a chi glielo chiede. Come se non bastasse, Diana si vanta davanti a due estranee di come Martin abbia in mano il detto ispettore di polizia, in quanto questi è suo "debitore" a causa di certi "favori".





 

sabato 17 settembre 2022

Martin Mystère Speciale n. 6: "New Atlantis" - Era scienza, non chiaroveggenza







Il 98% degli scienziati che si occupa di ambiente e clima ribadisce di aver lanciato i primi avvertimenti almeno due decenni fa. Come ben noto, l'informazione dominante ha trattato e tratta l'argomento con leggerezza, sdrammatizzandolo o usando deliberatamente parole chiavi fuorvianti (come "maltempo" invece di "eventi atmosferici estremi dovuti al cambiamento climatico e al surriscaldamento del pianeta", anche davanti a numerosi morti).
Ma la scienza già sapeva nel 1989 cosa sarebbe accaduto, e Alfredo Castelli aveva fatte proprie le loro istanze sin da allore. Gli avvertimenti, come auspicato dal personale di Altrove, hanno forse avuto successo nel sensibilizzare qualcuno, e quindi l'anno dell'inizio dello sfacelo non è stato il 2006, ma la differenza è irrilevante. Certo, le cappe di smog non sono visibili perché abbiamo imparato a sminuzzare ulteriormente le particelle inquinanti (nell'aria, nelle acque, nella terra), mentre il livello dei mari non è salito a tal punto da allagare le città costiere, e in questa previsione manca la parte dei letali eventi atmosferici estremi causata dall'enorme quantità di energia intrappolata nell'atmosfera e nei mari; tuttavia, la predizione si sta avvverando in maniera eclatante.
Ma attenzione, cari mysteriani: come nel caso della pandemia di Covid-19, non si tratta di una mistica profezia ottenuta con poteri divinatori, o di una magia arcana che ha presagito un futuro altrimenti inconoscibile. Si tratta di scienza: l'applicazione di modelli matematici basati sulle leggi della fisica alle conseguenze dell'alterazione (come l'aumento di anidride carbonica) di un sistema (la Terra) fin troppo noto.

 

mercoledì 14 settembre 2022

Giovedì Mysteroni (1)

Come ben noto, l'hashtag #GiovedìPiselloni è una goliardata nata nell'ambiente dei lettori italiani di fumetti di Walt Disney, ed è associato al travisamento del significato di innocenti vignette (o fotogrammi) delle produzioni Disney nostrane e di tutto il mondo. Il nome dell'hashtag si spiega da solo: questo tipo di vignette va diffuso il giovedì e il tema (involontario) è quello del gioco di parole sessuale/erotico. Si va dallo storico "Lord Piselloni" che tormenta Paperone a Paperino che racconta che "quella di Paperina era tutta bagnata", passando per Minni che vuole un pesce qualunque, basta che sia grosso, fino a Topolino che si regge i pantaloni slacciati e grida "vengo!".

C'è spazio, in questo ridanciano universo degli equivoci, per il versatile Martin Mystère, da sempre dedito a incursioni metanarrative di ogni genere? La risposta è positiva: #GiovedìMysteroni è tra noi. Non siamo ai livelli dei doppi sensi di serie come Zagor o Mister No, ma i primi cento albi della serie presentano una discreta selezione di equivoci sconvenienti.

 Da Assurdi universi (Martin Mystère n. 84): quella è una pistola o lei è felice di vederlo?

Da Il segreto della miniera (Martin Mystère nn. 74-75): provarci sempre, comunque e ovunque, con approcci con cameriere messicane in camera da letto che neanche Travis Travis si sognerebbe.


 Da La diabolica invenzione (Speciale Martin Mystère n. 4): che ragazze attendono di vedere questo attempato uomo in vestaglia? Le Mysterine? Le WashingtonMewsine?


 Da La vera storia del Capitano Nemo (Martin Mystère nn. 69-71): davvero, non ha mai visto quel vibratore.

Da Il diluvio di fuoco (Martin Mystère nn. 58-60): Martin e le sue fotografie segnanti.

Dalla stessa storia, spogliarelli in elicottero.

 
 Da Rapa Nui! (Martin Mystère nn. 42-43): anche dopo, ci si dà del voi.

 Da Tunguska! (Martin Mystère nn. 22-24): ancora gente felice di vedersi.

Da Il virus (Martin Mystère nn. 80-81): una raffinata immagine di avvio del computer di Martin Mystère:


 E per finire: l'emozione fu troppa, quando Martin Mystère incontrò Jerry Lewis.


sabato 10 settembre 2022

[Settembre 2022] Le Grandi Storie Bonelli n. 5 - "Martin Mystère: Mister Jinx"

In concomitanza l'uscita de Le Grandi Storie Bonelli n. 5 - "Martin Mystère: Mister Jinx", volume che ristampa Il fuoco che uccide! (46-48) e I giorni dell'incubo! (Martin Mystère nn. 62-64), note come i due primi grandi exploit di Mister Jinx, e soprattutto note rispettivamente come Tempo Zero e Operazione Dorian Gray, presentiamo questo commento integrativo di Giovanni Gaddoni alla generosa prefazione di Alfredo Castelli al volume.

Ho trovato interessantissima l'inedita prefazione di Alfredo Castelli, che scrive della genesi del personaggio e delle sue apparizioni negli albi di Martin Mystère; purtuttavia, Castelli è un grande, e come tale è lecito applicargli il motto latino "De minimis non curat praetor", ovvero tralascia alcuni particolari secondari. Io, non essendo "praetor", vedo di correggere e completare l'argomento.
Nel film "Al diavolo la celebrità" del 1949, rintracciabile su YouTube, salvo errori il diavolo interpretato da Aldo Silvani non accende un sigaro, ma con un gesto delle mani accende invece una fiamma a gas posta a distanza (per inciso nel film compare anche un apprezzabile capezzolo, malamente celato da un sottile velo di schiuma, dell'attrice Franca Marzi); chi invece accende un sigaro direttamente con le dita è lo stesso Burgess Meredith nella parte di Mr. Smith, un diabolico linotipista che prevede le cattive notizie, nell'episodio della serie televisiva "Ai confini della realtà: Printer's Devil" del 1963. Lo stesso Burgess Meredith nel ruolo del Dr. Diabolo (che potrebbe avere ispirato anche il Dr. Spector), un vero diavolo incarnato che funge da imbonitore in una sorta di baraccone da Luna Park nel film inglese diretto da Eddie Francis "Il giardino delle torture" del 1967, ha sicuramente ispirato il diavolo tentatore Asmodeo, nel racconto capolavoro "Vita, opere, vocazione di Geremia Sacchi scrittore" pubblicato su Horror n. 16 del maggio 1971, con l'aspetto grafico del successivo Mr. Jinx del Corriere dei Ragazzi del 1975.
Jinx compare come il miliardario Rockford in Martin Mystère nn. 93-94 del 1989, in Martin Mystère Speciale n. 14 del 1997, in Martin Mystère nn. 373-374 del 2021.
Suoi cammei o citazioni in Martin Mystère n. 121 del 1992, in Generazioni del 2003, nell'allegato allo Speciale 23 del 2006, nello Speciale 32 del 2015, in Martin Mystère n. 386 del 2022.
Inoltre nel Racconto Breve "Tempo Zero" del 1991 e nel Racconto Breve "Mysteri in treno" n. 6 del 1994 (come Colonnello Sanders), e in "Come un libro stampato" del 1995, nei panni di un diabolico standista.
Poi in Nathan Never nn. 76-77 del 1997 e Nathan Never n. 80 del 1998; in NAC 9 e 12 del 2017, come robot, a sua volta creatore del mondo dei robot; e in alcuni racconti di Get A Life prodotti da AMys dal 2012. E' un personaggio del gioco di ruolo di Martin Mystère del 1992; appare nei Tarocchi di Atlantide e nelle Carte da Poker del 1991; e nelle card AMys del 2019-20.
E, dulcis in fundo, è il nom de plume del nostro Presidente AMys (Dio ce lo conservi !). [Fonte: pagina AMYS di Facebook]

Dal Corriere del Mystero n. 2, stampato dall'associazione AMys in esclusiva per i suoi iscritti, ecco invece la pagina dell'introduzione ai due fumetti di Get a Life! in cui rientra in scena il Mister Jinx originale (e non una delle sue copie): Precursore post-umano e Mister Jinx va via!.

Di questa introduzione, riportiamo qui i paragrafi cruciali di analisi del personaggio di Mister Jinx.

Tra le peculiarità che stabilirono il nucleo caratterizzante della saga di Martin Mystère, c'era la curiosità di Alfredo Castelli, che spaziava anche nel reame tecno-scientifico, sempre attenta a rielaborare le novità del momento in storie come i videogiochi tecnomistici di Fantasmi a Manhattan, o il robot programmabile de I misteri di Londra.
I giorni dell'incubo esplorava le possibilità dell'immortalità digitale ben prima del cyberpunk, e ancor prima che il transumanesimo si rendesse conto delle potenzialità di questa strada.
Ed è proprio quest'ultimo l'argomento della nostra storia breve: l’ingresso nel mondo mysteriano del transumanesimo (abbreviato tra l'altro col simbolo H+), un movimento culturale teso a migliorare artificialmente l'essere umano, fino alla trasformazione in un ibrido tecnologico che vada oltre gli attuali vincoli della condizione umana.

Ma dato che il tema del Corriere è quello dei "cattivi" della serie, non può essere Martin Mystère a occuparsi della questione: chi mai, tra i suoi nemici ricorrenti, possiede l'intelletto, la competenza tecnologica e l'immaginazione necessaria per fare propria la filosofia transumanista, quasi da sembrare che il suo personaggio sia stato creato proprio in attesa dell'avvento di questo movimento?

Il diabolico Mister Jinx, contemporaneo diavolo che in cambio di denaro offre soluzioni tecnologiche ai mali dell'uomo moderno, è l'altra faccia della medaglia di Martin Mystère, in quanto incarna il lato negativo della sua curiosità scientifica, che Jinx sfrutta dissennatamente per compiere ogni genere di abuso in nome del profitto: basti pensare ai clienti di Tempo Zero che prendevano fuoco spontaneamente, o ai ladri di corpi dell'Operazione Dorian Gray, o al collasso del Mondo Del Sogno causato dall'effimero progetto DreamTravel.
Nel caso del transumanesimo, l'acuta mente di Jinx, come sempre, va oltre le mode e l'apparenza del momento, notando come l'immortalità cibernetica (la stessa garantita già decenni fa dal suo computer a proteine) sia in realtà una banale duplicazione, che non preserva affatto la mente originale, la quale deve anzi morire col corpo che la anima. In che modo Jinx pensa di superare questo scoglio, e come può l'Aldilà dell'Orizzonte degli Eventi contribuire al suo piano?
E a questo proposito: Jinx visitò l'Aldilà in questione (cioè l'interno di un buco nero, un concetto puramente fisico, senza implicazioni metafisiche) in Mister Jinx ritorna, ma il Jinx in questione era una mera copia dell'originale, il quale commise suicidio al termine di I giorni dell'incubo.
Che ne è stato dell'anima del Jinx originale, e di quella delle sue copie che nel corso degli anni si tolsero analogamente la vita?


giovedì 8 settembre 2022

Martin Mystère presenta: come funziona? Axis Mundi e l'accesso computer di Martin negli anni 1980

Benvenuti alla prima puntata di

Martin Mystère presenta: come funziona?

Axis Mundi e l'accesso computer di Martin negli anni 1980

Nel romanzo La pietra di Wolfram di Andrea Carlo Cappi, retrospettivamente ambientato nel 1989, il misterioso Axis Mundi accede a distanza al computer di Martin Mystère, con una facilità che la tecnologia dell'epoca non avrebbe dovuto consentire. Anche considerando l'esistenza del modem, non ci si spiega come Martin non se ne renda conto, dato il rumore terribile che lo strumento emetteva all'epoca (o forse no?). 

La risposta giunge da I misteri di Londra (Martin Mystère n. 85), dove scopriamo che già nel 1989 Martin Mystère, forte della sua laurea al Massachussets Institute of Technology, era in grado di commutare il modem del suo computer alla modalità per la trasmissione via radio, in modo che da computer fosse possibile radiocontrollare un piccolo robot domestico.

Ne dobbiamo concludere che, in un'epoca in cui la sicurezza informatica era ancora agli albori e si concentrava sul restringere passiamente gli accessi alle reti di computer, senza particolare attenzione per i personal computer di uso domestico, Axis Mundi riuscì a sfruttare proprio l'accesso via radio al computer di Martin.

Il successo dell'operazione sembra implicare che Martin all'epoca lasciasse il computer acceso, ma senza usarlo, per molte ore, forse anche di notte; se l'avesse utilizzato, infatti, avrebbe forse notato il traffico di rete anomalo.

Possiamo ipotizzare che il computer venisse lasciato acceso per far girare qualche programma di elaborazione di dati particolarmente oneroso.
Conoscendo Martin, che se ne vantava con piacere, si trattava probabilmente di operazioni complicatissime atte a ottenere risultati modesti (come la bella donna che lo saluta al'avvio del sistema operativo), ma che gli davano la soddisfazione di averli conseguiti con le proprie forze. E' il caso di questa scena tratta da Il virus (Martin Mystère nn. 80-81).



 

sabato 3 settembre 2022

Get a Life! Speciale 5: Su questa pietra

Get A Life, la serie NON presentata da Martin Mystère, presenta lo
(altrimenti conosciuto come Martin Mystère Gigante n. 1 bis).
Per chi non accede, Speciale 5 su DocDroid.

E' il momento di rivelare l'attesa
origine segreta della Pietra Zeta.
Qual è il suo legame con la Pietra di Fal e gli altri
Doni dei Tuatha De Danaan?
In che epoca ha avuto origine?
E che relazione c'è con gli Uomini Carbonizzati
e il dio nero chiamato Shakhor Eloah?

Sulla sconosciuta superficie del supercontinente primordiale della Rodinia, un miliardo di anni fa,
si consuma uno sconcertante scontro tra Diego Plain e l'insondabile entità cosmica Buluc Chabtan.
Nelle fiamme che infuriano su tutto il pianeta e oltre, ha luogo l'inaudita
genesi delle Pietre della saga di Martin Mystère,
dalla Pietra di Jivaka al Ragno d'Oro, dall'Uovo dell'Est all'Uovo dell'Ovest!

In appendice: Taglakhar, il monastero tibetano di Kut Humi, è teatro dello scontro tra il Maestro di Teosofia e la nemesi di Get a Life, l'inossidabile Scheletro di Cristallo.
Quale dei due resterà in piedi alla fine, mentre i più pazzeschi segreti della continuità vengono sviscerati e svelati come mai era accaduto?

10 pagine di racconto, copertina inedita, quattro pagine di rubrica "Universo Mystèriano" dedicata alle Pietre, agli Dei Cosmici, ai Doni dei Tuatha De Danaan e alle curiosità comparse nel racconto.

Copertina di Gianmarco Lizzio.
Storia di Franco Villa.
Supervisione di Luca Salvadei.

In questo numero si parla di: Roncisvalle (Martin Mystere nn. 94-95-96), Intrigo a Pechino (Martin Mystère nn. 73-74), Time Travel, Inc. (Martin Mystere n.184), Il presagio (Martin Mystère nn. 66-67), Ritorno senza fine (Get a Life! n. 61), Chariots of the Gods? (Gli extraterrestri torneranno) di Erich von Däniken, Eternals (Gli Eterni) di Jack Kirby, Le ombre di Camelot (Martin Mystère Speciale n. 35), Il segreto di San Nicola (Martin Mystère Gigante n. 2), Come Prisma, più di Prisma (Get a Life! n. 52), Le diciassette facce dell’oscurità (Get a Life! nn. 27-28), La lancia che fu del Pelide (Get a Life! n. 59), La musica delle sfere (Get a Life! n. 14), Esagoni, Annwn, Wasteland, Pietra di Fal, Lacrima di Toth, Kundingas, Uomini Carbonizzati, Marabbecca, Guglielmo Secondo di Sicilia, William Lamport, Diego de la VEga, Zorro, Agarthi, linee di ley, scie chimiche, paradosso della predestinazione.

venerdì 26 agosto 2022

Martin Mystère e gli omicidi: un'antica tradizione (1)

Quante volte, nel commentare il declino narrativo della serie di Martin Mystère, specialmente per le storie doppie del periodo bimestrale, i lettori hanno espresso forti perplessità sulla disinvoltura con cui Martin Mystère se ne va dalla scena della morte di qualche suo nemico o conoscente o compagno di viaggio, persino all'estero, per poi non tornare più su un argomento che dovrebbe invece obbligatoriamente renderlo oggetto nelle indagini delle forze dell'ordine?

Eppure, non si tratta di una involuzione recente, bensì di una tradizione, specialmente quando anche l'influentissimo ispettore Travis A. Travis (altrimenti noto come Doppio Tì) è della partita, a New York come nel resto degli USA e persino all'estero (a volte intervenendo anche solo telefonicamente per spalancare qualunque porta).

Andiamo quindi a esaminare i casi storici più eclantanti, in questa serie di articoli che aggiorneremo man mano che ce ne vengono segnalati altri.

In Caccia all'uomo (Martin Mystere nn. 67-68-69), del 1987, Java uccide involontariamente un Uomo In Nero, facendolo precipitare da una balconata interna del museo Guggenheim di  New York, Stati Uniti. Per proteggere il bersaglio degli Uomini In Nero, però, Martin Mystère non si fa problemi ad abbandonare la scena dell'omicidio, garantendo di poter poi sistemare tutto parlando al suo amico ispettore Travis. In seguito, Martin si premura di ribadire non solo quanto Travis sia potente, ma come sia anche ansiosissimo di spifferare i dettagli riservati di qualunque indagine a chiunque ne faccia richiesta.

Ne (La donna immortale, Martin Mystere nn. 79-80), del 1988, Martin Mystère e Java inseguono il traditore Abdul nei vicoli de Il Cairo, Egitto. Sotto i loro occhi, Abdul precipita da una passerella rialzata, morendo apparentemente per le conseguenze della caduta (in realtà, Sergej Orloff gli ha sparato col Murchadna senza essere visto). Questa volta, Martin attende le autorità, fuori scena, e a quanto pare la sua parlantina e il fascino della sua notorietà gli permettono di liquidare la faccenda e togliere il disturbo in pochi minuti. Esatto: un occidentale presente alla morte violenta di un nativo, nell'Egitto di Hosni Mubarak (di cui Doppio Tì è nipote), non viene né interrogato, né sospettato, né trattenuto per accertamenti, né rinchiuso cautelativamente in una cella per una notte.


mercoledì 17 agosto 2022

[Recensione] Martin Mystère n. 390 - "Cronache marziane"

Martin Mystère n. 390 (mensile)
"Cronache marziane"

Storia: Carlo Recagno
Disegni: Fabio Grimaldi
Agosto 2022

Dopo mesi e mesi di attesa, sulla testata dell'Impossibile si torna a trattare la Storia Mysteriana del Mondo in maniera competente, articolata e approfondita: invece di tirare fuori l'ennesimo "congegno atlantideo" impossibile, di cui non viene poi spiegato alcunché, si attinge finalmente alla vasta messe di eventi e concetti che Martin Mystère ha appreso nel corso degli anni, e si articola una nuova vicenda in cui non solo emergono varie novità, ma si creano anche connessioni inedite tra i detti eventi/concetti più memorabili e amati, rinnovando così sottotrame in sospeso da tempo, oppure svelando il vero volto di personaggi storici tanto familiari quanto in realtà sconosciuti.

Nel paradosso delle migliori produzioni mysteriane, questo è un racconto atipico, ma collocato nel solco della tradizione: il Detective dell'Impossibile è presente, ma spicca per la sua assenza, in un flusso di cinque (!) diverse narrazioni parallele, che si svolgono in luoghi o epoche lontanissimi senza mai toccarsi, ma tutte unite da un elemento comune, che le riunisce definitivamente solo nel finale. Non s'è infatti mai visto un Martin così poco protagonista, eppure è già accaduto che il lettore ne sapesse più di lui alla fine della vicenda: la struttura narrativa è infatti quella dei migliori albi della collana Martin Mystère Gigante, e cioè Il segreto di San Nicola, L'isola di ghiaccio e di fuoco, Il re Rosso; la differenza sta nel minore numero di pagine, che porta Recagno a omettere la classica indagine di Martin Mystère, che fa da collante e tira le fila degli elementi cruciali. A compensare questa carenza, Recagno lo rende quindi protagonista in un altro modo, tanto inatteso quanto coerente con la sua storia personale.

La ricchezza di tematiche e di spunti del fumetto rende quasi impossibile recensirlo a fondo senza anticipare sviluppi e rivelazioni, per cui non ci resta che invitarvi a leggere l'albo e tornare qui per approfondirne gli aspetti, interrogarvi sulle implicazioni, ipotizzare le evoluzioni future, contribuire alla mappa della continuità che segue.

La guida alla continuità

Amaterasu ha pianificato la spedizione su Marte per decenni, allo scopo di salvare il mondo dalla catastrofe. Se la catastrofe è quella causata dalle armi finali impazzite (e non un'altra fresca di invenzione narrativa), allora in apparenza Amaterasu gode di una qualche prescienza relativamente agli eventi de Il segreto delle Ombre Diafane (Martin Mystère Gigante n.8), a meno che il satellite compromesso dai Fratelli delle Pleiadi non abbia davvero atteso decenni per attivarsi.

Ne La città dei Cinque Anelli (Martin Mystère nn. 196-197), l'Atlantideo Adam vede in televisione un servizio sulla spedizione marziana di Atlantide, la prima di quella nazione. Ne  Gli Uomini In Nero (Martin Mystère Gigante n. 3), Adam sembra avere circa la stessa età, dopo l'armageddon atlantideo-muviano. Da questi dati apparenti, possiamo supporre che Atlantide sia molto più arretrata nel viaggio spaziale di Mu (e possiamo anche supporre che Mu abbia mantenuto segretissima la sua spedizione, per quanto sicuramente svolta in grande stile). Non sappiamo però quale sia la durata media della vita di Atlantidei e Muviani: magari Adam ha mantenuto lo stesso aspetto per decenni (lo stesso ragionamento può essere applicato ad Amaterasu, per la questione della sua presunta prescienza).

Da La città dei Cinque Anelli (Martin Mystère nn. 196-197) sappiamo che in Atlantide l'esistenza del Graal era di pubblico dominio, e che la sua spedizione su Marte (chiamato però Ares) non fu coperta dal segreto. Non si sa se ci fosse in ballo una "corsa allo spazio" analoga a quella USA/URSS (di certo Mu la vinse con largo anticipo, ma in segreto, e forse Atlantide la emulò malamente solo decenni dopo, quando il fatto divenne noto).

Da Roncisvalle! (Martin Mystère nn. 94-95-96) apprendiamo, tramite Merlino, che la Spada di Nuada (ma non più tale, in seguito alla rettifica del nome dei Tuatha De Danaan) fu divisa in sette spade ai tempi di Atlantide; non si precisa però quale Atlantide (o meglio, in quale epoca della sua lunghissima esistenza). Non c'è alcun flashback atlantideo nella serie in cui persone dell'epoca si dimostrano consapevoli dell'esistenza delle Spade (almeno fino a oggi). 

Il Satiro Pan, visto nella notevole Il sabba delle streghe (Martin Mystère nn. 38-39-40), magistralmente illustrata da Claudio Villa, racconta di essere stato alla corte di Atlantide. Ma quale Atlantide? All'epoca dell'uscita di quell'albo, il concetto della "prima Atlantide" non era ancora stato introdotto, e quindi le sue parole sono interpretabili.

La cosiddetta "prima Atlantide" risale ad almeno 75.000 anni fa, epoca in cui le sue isole di Ruta e Daytia sprofondarono a causa dell'innalzamento del livello del mare. Se ne parla per la prima volta ne La piramide sommersa (Martin Mystere nn. 81-82-83) e si ritorna ampiamente sull'argomento ne Il Re Rosso (Martin Mystère Gigante n. 11).

Amaterasu è l'Imperatrice in carne e ossa, e non la versione cibernetica de La vera storia del capitano Nemo (Martin Mystère 69-70-71), in apparenza. Che legame avranno le due?

I misteriosi Tecnomanti della Prima Atlantide (cioè i Satiri Marziani) non sono gli stessi dell'Atlantide di 10.000 anni fa: questi ultimi sono comparsi ne I Tecnomanti (Martin Mystère n. 247), oltre che in Magic Patrol su Zona X, dove a rappresentarli c'è un tale Amon; nella serie di Nathan Never, compaiono certi Signori della Guerra Atlantidei (Warlords tradotto letteralmente?) capeggiati sempre da un tale Amon: supponendo che si tratti dello stesso Amon, si tende a considerare questi Condottieri come Tecnomanti (sebbene le loro azioni non aiutino a qualificarli). Non ci viene dato alcun elemento per capire se i due gruppi, separati da un colossale abisso temporale, siano collegati. Se un legame esiste, sembra improbabile che i secondi abbiano ereditato le conoscenze dei primi: altrimenti, Amaterasu avrebbe cercato di ricavare da loro il segreto per controllare le Spade, senza scomodarsi a spedire gente poco affidabile su Marte.

La genesi dei Doni dei Tuatha De Danaan è raccontata ne Il segreto di San Nicola (Martin Mystère Gigante n. 1). "Tuatha De Danaan" è il nome mitologico attribuito, nella nostra epoca, agli eterei e algidamente inconoscibili alieni che portarono gli Esagoni sulla Terra. Ai tempi di Atlantide e Mu, essi erano noti col nome di Kundingas, come già specificato ne Le ombre di Camelot (Martin Mystère Speciale). Per noi, però, i Kundingas sono gli alieni nanetti e panciuti, dall'aspetto tenerone e goffo, molto simile al personaggio alieno del film E.T. the Extra-Terrestrial (1982), che si fanno ingenuamente ammazzare a mitragliate dai bastardi Uomini In Nero australiani. 

Non è la prima volta che ci viene lasciato intendere quanto sia vasto il potere potenziale di un Esagono integro: qui si afferma che il mondo, se le Sette Spade venissero riunite, diverrebbe completamente un altro mondo; ne L'isola di Ghiaccio e di Fuoco (Martin Mystère Gigante n. 6), abbiamo già visto come l'Esagono divenuto Anello Dei Nibelunghi possa letteralmente riscrivere la realtà. 

Susanoo ha acquisito una spada, la Kusanagi, nascosta proprio da un Tecnomante all'interno di una bestia cibernetica, nel recente Come ai vecchi tempi (Martin Mystère n. 376); nello stesso albo, è tornano in scena Sergej Orloff.

La sequenza iniziale dello scontro tra Martin Mystère e Sergej Orloff è ripresa da Il matrimonio di Sergej Orloff (Martin Mystére n. 330); quello stesso albo dava spazio all'ipotesi che Orloff non fosse stato disintegrato, ma trasferito in un carcere per la detenzione dei Muviani scomodi. Tale ipotesi è ora confermata.

Il personale Muviano della stazione marziana ha torto nel credere che la stazione sia un carcere dove far sparire i personaggi scomodi, ma nello stesso tempo ha ragione nel supporre che ne esista uno: è quello in cui Orloff si ritrova prigioniero, insieme a Muviani che presumibilmente si trovano in quello stato da diecimila anni. Lo scetticismo del Professore è quindi prova di ingenuità?

Orloff afferma di sapere come andare su Marte senza il bisogno di astronavi. Chissà a quale ingegnosa soluzioni starà alludendo, considerando il notevole andirivieni, tradizionale o meno, che è avvenuto nel corso dei millenni per varie forme di vita tra Marte e la Terra? Ne abbiamo parlato ne L'ombra di Za-Te-Nay (Martin Mystère n. 335), mentre ne La musica delle Sfere (Get a Life! n. 14) abbiamo ricostruito la possibile genesi e differenziazione della vita su Marte, andando dai batraci ai satiri, passando per gli insetti nathanneveriani.

Morte al varietà (Martin Mystère n. 71)
Dulcis in fundo, Sergej Orloff chiama "William" il proprio autista, che però alla fine non ce la fa più e corregge il padrone, informandolo della verità: "Mi chiamo Wilbur, signore".
E Orloff risponde "Non è colpa mia".
Da dove giunge questo brevissimo e unico momento umoristico di una storia piuttosto cupa?
Giunge dai meandri della serie, giusto per ricordarci ancora una volta quanto Carlo Recagno la conosca bene: in Morte al varietà (Martin Mystère n. 71), infatti, Martin ci fa sapere il suo parere sul nome Wilbur.

Passando alla continuità stilistica, vale la pena di osservare come Recagno prosegua ormai da anni col suo approccio della vaghezza anonima nelle coordinate che identificano personaggi e luoghi: la base Muviana su Marte (priva di nome) è popolata da personaggi privi di nomi, e identificati dal loro ruolo (Tenente, Professore, Direttrice), proprio come sono senza nome le due zone di New York in cui Orloff incontra il suo fornitore e in cui si radunano gli Uomini In Grigio. Ad avere un nome è solo l'assistente di Amaterasu, Sardukar (in quanto già apparso nel Martin Mystère Gigante n. 8, con un nome che giunge dalla saga di Dune). E' enorme la differenza rispetto alle dozzine di storie newyorkesi in cui Castelli forniva indirizzo, storia del quartiere, aneddoti sui ristoranti e altri luoghi tipici, creando un'esperienza tridimensionale che imprimeva tanto la storia quanto i luoghi nella memoria del lettore. Con l'andazzo attuale, invece, tanto i personaggi quanto i luoghi sono avvolti in una foschia di vaghezza, indeterminazione e genericità; un grigio anonimato (non a caso?) che li condanna rapidamente all'indifferenza, e quindi all'oblio.

Rispetto a Come ai vecchi tempi (Martin Mystère n. 376), il comparto artistico presenta qualche miglioramento, specialmente nella gestione dei volti (la sproporzione tra i lineamenti e la dimensione della faccia, per esempio, è qui molto meno frequente, anche se non scomparsa); continuano a non convincere, invece, le figure umane impegnate nelle scene d'azione (nel flashback di apertura, il Martin Mystère che aggredisce Orloff sembra avere la spina dorsale spezzata), mentre quelle statiche sono dignitose. Convincono di più gli sfondi e le ambientazioni, forse per via della maggiore gestibilità digitale di questo comparto visuale. 

Il fumetto come lettura dell'attualità

Non era certo solo Alessandro Manzoni a raccontare l'occupazione spagnola nella Milano del 1600 per criticare quella austriaca della propria epoca.

Brevemente, il racconto ci spinge a credere che Orloff sia finito proprio su Marte, nella base Muviana, in quanto destinata a essere trasformata in un carcere. In seguito, la Direttrice e il Professore smantellano questa interpretazione, almeno a parole. Ma, siccome questo fumetto è fortemente incentrato sugli strati di menzogne e finzioni che il potere tesse dietro una facciata di rispettabilità, in tutte le epoche, e dato che noi non sappiamo davvero cosa ne fu della base Muviana su Marte dopo il fallimento della missione, non possiamo escludere che i suoi ampi spazi ora ospitino le innumerevoli celle del carcdre Muviano viste nel ricordo di Orloff (e anticipato ne Il matrimonio di Sergej Orloff). Non è chiaro se la Direttrice sapesse dello scopo della spedizione (cercare il segreto dei Satiri Marziani) o se anche a lei fosse stato tenuto nascosto da Amaterasu (che afferma che è un segreto noto solo alla sua famiglia): se Amaterasu ha mentito una volta alla Direttrice, può averlo fatto anche due volte (tenendole segreto che la base sarebbe stata riciclata come carcere); se la Direttrice non era una pedina, ma una complice della ricerca del segreto dei Tecnomanti, e quindi mentiva al personale (abbiamo visto oggettivamente come ha proibito l'accesso alla Città di E'd'n), può anche lei averlo fatto due volte (non rivelando che la base sarebbe divenuta un carcere). Tutte le ipotesi sono buone, perché questo fumetto ci insegna che il Potere giustifica il proprio operato a ogni costo, ricorrendo a qualunque mezzo e vantando nobili obiettivi dietro cui si nasconde invece l'interesse personale del'autoconservazione. Di conseguenza, i ribelli avevano ragione sia sulle menzogne dei loro capi, sia sulla faccenda del carcere (che infatti esiste): però, come analizzeremo in seguito, non hanno avuto la lucidità per giungere alle conclusioni corrette.

Gli Uomini In Grigio di Buenos Aires sono comparsi ne Il libro di sabbia (Martin Mystère nn. 154-155), ma qui non li vediamo mai in scena. Infatti, il gruppo che agisce a New York è quello dei Rosa+Croce (Rosenkreutz) di Contrappunto, scherzo e fuga (Martin Mystère Special n. 12): costoro si autodefiniscono adesso come Uomini In Grigio, mentre nello Speciale parlavano più genericamente del "non-colore" grigio che caratterizza il loro grandissimo potere, quello invisibile e inarrestabile degli anonimi funzionari delle strutture statali di tutto il mondo. I bibliotecari di Buenos Aires si presentano a Martin come un'organizzazione che ha il solo scopo di custodire l'Aleph (l'oggetto che mostra tutto l'universo, futuro compreso, a chi lo osserva): anche loro dichiarano di essere funzionari che agiscono dietro le quinte, usando la definizione "Uomini In Grigio" in riferimento al termine di eminenza grigia. I Rosa+Croce, oltre ad avere "sezioni" in tutto il mondo (tra cui quella di Buenos Aires, apprendiamo ora), hanno un diretto Superiore che è analfabeta e vive come un senzatetto, ma hanno anche un Controllore (la stessa persona?) che decide certe loro mosse (per esempio, l'interazione con Altrove è vietata senza esplicito permesso).

In un mondo devastato da una crescente crisi ambientale, economica, delle materie prime, bellica, idrica, alimentare e climatica, che sta ampliando senza sosta il numero di persone che vive sotto la soglia della povertà, i grigi burocrati dei Rosa+Croce si preoccupano opportunisticamente di castigare qualche nazione troppo aggressiva con i vicini o di tutelare i diritti civili. Nel primo caso, agiscono ignorando non solo le varie guerre in corso nel globo, o le persecuzioni di certe minoranze, ma soprattutto i costanti abusi degli Stati Uniti d'America (in cui costoro sembrano identificarsi, anche se di provenienza internazionale), i quali sapendo di essere protetti dalla geografia, organizzano da decenni sanguinosi colpi di stato in Sud America e innescano conflitti militari in Asia ed Europa, allo scopo di frantumare le alleanze commerciali a loro sgradite e rafforzare quindi la propria economia. Nel secondo caso, badano principalmente agli interessi dei ceti sociali abbienti, ignorando invece i diritti sociali dei ceti più poveri, che vengono progressivamente azzerati, dopo decenni di lotte per essere trattati dignitosamente nel mondo del lavoro e mantenere pubbliche risorse fondamentali come l'acqua e la sanità. L'agire dei Rosa+Croce è la descrizione più onesta del potere costituito, che non si basa sulla democrazia, ma sull'economia, ed è guidato solo dall'interesse ad autotutelarsi, mantenendo ordine e stabilità per il proprio ceto (o nazione) con ogni mezzo. Qual è la differenza, sembra chiederci il racconto, tra il dispotico impero di Amaterasu (che è una dittatrice: i suoi cittadini sanno e accettano che lei elimini gli oppositori senza curarsi dell'opinione pubblica; segretamente, ella fa costruire un intero carcere per neutralizzare per sempre i personaggi scomodi; infine, noi lettori sappiamo che essa darà il proprio volto al cardine cibernetico della Guerra Senza Tempo) e gli attuali governi pilotati neanche troppo discretamente dai poteri economici, nascosti dietro le facciate di una democrazia riservata solo ai ceti abbienti? Il discorso dei Rosa+Croce, che autodefinendosi "Uomini In Grigio" forse si illudono di differenziarsi da quelli In Nero perché orientati all'ordine e all'equilibrio, li accomuna invece a loro, dato che implicitamente richiama le conclusioni a cui giunge Martin nel classico Caccia all'uomo (Martin Mystere nn. 67-68-69), in un ritratto molto accurato della nostra epoca.

L'occhio sinistro di Rama sostiene implicitamente una vecchia teoria secondo cui Martin Mystère e Sergej Orloff sarebbero reincarnazioni di un Muviano (uno a testa? O uno solo per due?).

La forma dell'oggetto Muviano recuperato da Altrove, nonché la modalità del suo arrivo e il "pericolo" che custodisce ricordano un oggetto simile che Morgana usò per invadere Altrove ne Il Cavaliere Verde (Martin Mystère Special n. 11): ci si aspetterebbe quindi una maggior cautela da parte del personale della base. Tra questi, vediamo il comandante Chris Tower, l'anziano mago Aldous Morrigan e l'assistente Brody (che ripete solo il suo tormentone, "ehm").

Amaterasu-O-Mikami afferma che il segreto dei Satiri si trova nella loro città su Marte. Sembra improbabile che i Satiri/Tecnomanti abbiano sviluppato la tecnica di controllo degli Esagoni sulla Terra, per poi riportarla sul morente Marte (da cui erano fuggiti per salvarsi la vita). Però ciò significherebbe che, prima di giungere sulla Terra, i Satiri già erano a conoscenza dell'esistenza e del funzionamento dei cosiddetto Doni dei Kundingas. Dobbiamo dedurne che su Marte esistevano oggetti simili, ma con una storia diversa (perché sappiamo che quelli Terrestri sono mutati in seguito a un'avaria che ha messo fuori gioco il loro strumento di controllo)?

La sottotrama della paranoia del personale della base Muviana su Marte è una metafora dell'ebete egoismo contemporaneo di anti-mascherinisti e antivaccinisti, realizzato sulla falsariga dei telefilm di moda in questi anni, e cioè in modo molto diretto e un po' superficiale, oltre che in economia di logica. Se la metafora regge infatti per la costruzione di una risibile fantasia paranoica complottista (a cui qui viene data una solida causa: lo stress psicologico di un isolamento che si protrae da mesi e non sembra mai avere fine), quando si passa agli obiettivi dei Ribelli, invece, deraglia sgangheratamente: infatti se, sulla Terra, ci fu la palese apoteosi dell'individualismo menefreghista senza confini di chi voleva continuare a farsi i propri porci comodi, infischiandosene delle conseguenze sugli altri, su Marte invece (pianeta notoriamente morto, come gli studiosi protagonisti della storia sanno da decenni) che comodi si possono fare, una volta all'aperto tra sassi e sabbia? L'obiettivo dei Ribelli, che vogliono riunirsi alle loro famiglie e per questo diventano tali, avrebbe dovuto essere quello di impossessarsi di una nave spaziale e tornare sulla Terra, non di scappare nel deserto senza acqua né viveri né bar né discoteche né palestre (eccetto le inutili rovine della Città dei Satiri, vecchie di sessantacinquemila anni circa). E ancora: chiaramente, questo personale era stato addestrato per vivere su Marte, e apparentemente ha edificato l'intera base in quelle condizioni ostili e la faceva funzionare quotidianamente, per cui si trattava di uomini preparati e competenti e consapevoli del contesto: com'è che nessuno sulla Terra ha mai pensato di sottoporli a un'opportuna valutazione psicologica per stimarne le capacità di tenuta mentale in un ambiente così alieno e isolato? O, in altre parole: come li hanno selezionati, col sorteggio? A voler essere possibilisti, l'intera sequenza è spiegabile con il contagio da parte di qualche forma di vita microscopica indigena, che ha esasperato l'ossessione dei ribelli fino a portarli a una follia priva di qualunque logica. Narrativamente, c'è un precedente: anche gli astronauti Atlantidei sono destinati a subire mutazioni velocissime, biologicamente inspiegabili se non si suppone un'interazione con le forme di vita locali o con altri agenti (come quello da noi ipotizzato ne La musica delle sfere).

Alti e bassi di Fantasmagoria

I Mysteri di Mystère si occupa con entusiasmo tipicamente Castelliano della letteratura d'anticipazione dedicata a Marte nel 1800 e nel 1900, e dedica uno spazio denso di informazioni alla particolare figura della spiritista Hélène Smith, che nel fumetto intreccia le proprie vicende con quelle di Sergej Orloff (e non ne abbiamo fatto parola finora, tanto per dimostrare quanto sia impossibile riassumere tutti i contenuti di questo albo). 

Bonelli Kids e Zio Boris si dedicano rispettivamente ai megaliti di Stonehenge e alle maratone televisive di Enrico Mentana viste dalla spiaggia, con discreta efficacia.

Ci dispiace per Andrea Carlo Cappi, ma il capitolo di turno del romanzo Zona Y ci lascia indifferenti: purtroppo, il tema delle realtà virtuali (o vite parallele, o quale che sia il meccanismo che porta Martin a vivere un'avventura nei panni del Kit Carson storico nel Vecchio West, con i suoi amici e nemici come comprimari) non è tra i nostri preferiti.


martedì 9 agosto 2022

Get a Life! Speciale 4: Zona J

Get A Life, la serie NON presentata da Martin Mystère, presenta lo
(altrimenti conosciuto come Zona X n. 45 bis).

Riprendendo la pagina pubblicitaria, realizzata in stile Zona X, questo specialissimo Speciale offre:
 
MARTIN MYSTÉRE CONTRO JOE BIDEN, TRAVIS TRAVIS CONTRO DONALD TRUMP, SIR JET MINX CONTRO UNA DONNA AMBIZIOSA, CALEB LOST CONTRO GLI ODORI E I SUDORI, TRE RACCONTI DA ANTOLOGIA, UN'ANTOLOGIA DI RITORNI, MIND, HENRY, JINX, PIU' MISTER CHE A UN RADUNO DI ALLENATORI.

BENTORNATI IN ZONA!

3 RACCONTI, 2 RUBRICHE, UN SACCO DI PAGINE


Dopo I primi 40 anni di Smith, la nostra serie dedicata ai racconti di solo testo rilancia con una trilogia di storie interconnesse, ognuna con un protagonista diverso: Martin Mystère, Travis e Caleb Lost (!) devono fare i conti con la nuova tecnologia transumana che Sir Jet Minx (l'erede di Mister Jinx) ha nuovamente messo a disposizione della classe dirigente mondiale, incurante delle catastrofiche conseguenze.
Le rubriche (per l'occasione in doppia dose), oltre a fornire le coordinate della continuità narrativa, dettagliano anche tutti gli omaggi a Zona X nascosti nelle singolari scelte di tematiche e personaggi.

Copertina di Gianmarco Lizzio.
Storie di Franco Villa e Cristian Di Biase.
Supervisione di Luca Salvadei.

In questo numero si parla di: New York stories (Martin Mystère nn. 182-183-184),Il profeta (Martin Mystère n. 114),I giorni dell'incubo (Martin Mystère nn. 62-63-64),Il fuoco che uccide (Martin Mystère nn. 46-47-48),La camera del tempo (Martin Mystère nn. 30-31),L'arma di Sansone (Martin Mystère n. 389),Zona X,Progetto Cyborg (Martin Mystère n. 321),Agarthi! (Tutto Mystère n. 67),Caccia all'uomo (Martin Mystere nn. 67-68-69),Ultimatum a New York (Martin Mystère Special n.7),La caccia selvaggia (Martin Mystère n. 342),La maledizione di Kunanjun (Martin Mystere nn. 106-107-108).

lunedì 1 agosto 2022

Concorso Letterario e Artistico 2022 (terza edizione)

 

UN SALTO NEL MYSTERO 2022
3° CONCORSO ARTISTICO E LETTERARIO

L’Associazione Culturale A.Mys - da più di 20 anni, punto di riferimento per fan e autori della serie di fumetti “Martin Mystère” - bandisce per il 2022 la terza edizione del premio per la realizzazione di racconti e disegni inediti dedicati agli argomenti misteriosi tipici della serie dedicata al Detective dell’Impossibile.

L’Associazione si impegna a ricevere, valutare e premiare opere letterarie e artistiche con le regole e le modalità di seguito indicate per le due seguenti categorie di concorso:

1) “Un racconto per il Corriere del Mystero”;

2) “Un disegno per il Corriere del Mystero”.

1. TEMA

Il tema dei racconti e dei disegni è il mystero, in tutte le forme tipiche delle storie a fumetti e in prosa di Martin Mystère: un racconto realistico e avventuroso, con ambientazioni fantastiche, fantascientifiche, fantasy, horror, soprannaturali, storiche, archeologiche, fanta-archeologiche, misteriose, ufologiche, oniriche e magiche.

Non è obbligatorio ma è semplicemente gradito che le storie e i disegni siano collocati nell’universo narrativo di Martin Mystère (o in uno dei tanti universi paralleli in cui si muovono le diverse versioni del personaggio) e vi compaia almeno uno dei personaggi della serie (principali o comprimari, buoni o cattivi, etc.): nell’eventualità di tale scelta da parte del concorrente, non deve trattarsi necessariamente di Martin Mystère.

1.a RACCONTI:

Ognuno dei testi verrà, tra l’altro, valutato in base all’originalità dell’incipit, allo sviluppo della trama e al finale, alla caratterizzazione dei personaggi, all’intreccio e all’ambientazione mysteriosa oltre che alla forma e alla chiarezza espositiva.

A discrezione insindacabile della giuria, la coerenza e il rispetto della continuity dell’eventuale elemento inserito nel racconto connesso al mondo di Martin Mystère, potrebbero dare luogo a un punteggio bonus.

1.b DISEGNI:

Ogni disegno verrà giudicato, tra l’altro, per l’impostazione generale (disegno e figure), per la caratterizzazione dei personaggi, per l’ambientazione/componente mysteriosa, per gli aspetti anatomici e per l’uso della colorazione (sia per il b/n sia per il colore).

Ulteriormente, anche per l’occasione offerta dai festeggiamenti dei 40 anni di Martin Mystere, a discrezione insindacabile della giuria:

- la coerenza e il rispetto della continuity dell’eventuale elemento inserito nel racconto connesso al mondo di Martin Mystère, potrebbero dare luogo a un punteggio bonus;

- un particolare gradimento potrebbe essere riservato, fermo restando quanto precisato in generale dal regolamento in tema di valutazione delle opere, ai disegni che costituiscano una sorta di splash-page di uno degli episodi della saga del nostro eroe, vale a dire una illustrazione che potrebbe essere tranquillamente inserita in una delle tante avventure pubblicate in tutti questi anni. Quindi, non una reinterpretazione di una copertina o di una vignetta già pubblicata, ma quella pagina in più, quella illustrazione a tutta pagina che potrebbe essere la ciliegina sulla torta di una bella storia di MM.

2.  REQUISITI

La partecipazione è aperta a tutti (quindi, anche ai non soci AMys).  

Saranno accettati anche testi e disegni già presentati ad altri concorsi, purché inediti (mai pubblicati, né in formato cartaceo né online) e di sola proprietà dell'autore (che deve essere in possesso di tutti i diritti di pubblicazione dell'opera).

Ogni singolo autore può partecipare con quante opere desidera, anche in entrambe le selezioni, purché rispetti le caratteristiche di riferimento.

La partecipazione al Premio prevede l’accettazione di tutti i punti del regolamento, pena l’esclusione.

3.a UN RACCONTO PER IL CORRIERE DEL MYSTERO

Le opere letterarie devono essere in lingua italiana, di lunghezza non superiore a 10.000 caratteri spazi inclusi, pari a 5 cartelle (la redazione si riserva di accettare i racconti fuori dai limiti di una o due cartelle) e non devono essere impaginati in alcun modo specifico (dimensione o scelta dei caratteri, righe per pagina, interlinea, margini), cercando di mantenerli più semplici possibile.

Il racconto deve essere salvato in formato .rtf, .doc, .docx o .odt.

La giuria sarà composta da rappresentanti di A.Mys (Luca Salvadei, Paolo Mignone, Daniele Busnelli, Gianluca Mattossovich, Claudio Bovino ed Emanuele Marinello), da autori professionisti legati alla serie (Alfredo Castelli, Sergio Badino, Andrea Carlo Cappi ed Enrico Lotti) e da docenti di enti specifici riconosciuti (Giuseppe Porcelli docente di giornalismo nel corso di Sceneggiatura della Scuola Internazionale di Comics di Napoli e Davide Morando docente della Genoa Comics Academy).

3.b UN DISEGNO PER IL CORRIERE DEL MYSTERO

Le opere possono essere realizzate in qualsiasi tecnica si preferisca: sia in digitale che con i mezzi tradizionali; sia in bianco e nero che a colori. Sono inoltre accettate opere artistiche di ogni tipo: che si tratti di una storia strutturata in tre strisce autoconclusive o di un’unica tavola a fumetti o di un’illustrazione completa, compresi manifesti o copertine.

Il disegno deve essere salvato in formato .jpg e non deve superare i 3 MB (qualora il file superasse la dimensione richiesta andrà salvato in bassa risoluzione) e nel solo caso di pubblicazione dovrà essere inviato a 300 dpi.

La giuria sarà composta da rappresentanti di A.Mys (Luca Salvadei, Paolo Mignone, Daniele Busnelli, Gianluca Mattossovich, Claudio Bovino ed Emanuele Marinello), da autori professionisti legati alla serie (Alfredo Castelli, Giancarlo Alessandrini, Lucio Filippucci e Rodolfo Torti) e da docenti di enti specifici riconosciuti (Gino Vercelli, docente di illustrazione e fumetto all'Accademia di belle Arti di Cuneo e presso la scuola di fumetto di Asti Roberto Lauciello docente della Genoa Comics Academy).

4.      FORMATO E INVIO

Per partecipare al concorso è indispensabile inviare un’e-mail di presentazione con in allegato l’opera o le opere in concorso, all’indirizzo di posta elettronica: concorso.un.salto.nel.mystero@gmail.com.

L’email deve indicare nell’oggetto la dicitura “Un racconto per il Corriere del Mystero – 2022” oppure “Un disegno per il Corriere del Mystero – 2022”. Se l’autore vuole partecipare ad entrambi i concorsi dovrà inoltrare due mail, una per sezione.

Nel corpo dell’e-mail con cui si invia il racconto o il disegno devono essere riportati:

-  i dati relativi all’autore quali nome, cognome, eventuale pseudonimo col quale si vuole che l’opera sia pubblicata, l’e-mail di riferimento e una brevissima biografia;

- i dati relativi all’opera (o alle opere) allegata quali il titolo dell’opera e dichiarazione di inedicità della stessa. 

Il file del racconto/disegno allegati alla suddetta e-mail deve recare nel nome il titolo dell’opera e il riferimento all’autore (es.: “Tunguska racconto Mario Rossi” oppure “Tunguska disegno Mario Rossi”).

5.      SCADENZA

I racconti e i disegni partecipanti devono essere inviati entro il 15 ottobre 2022.

6.      PUBBLICAZIONE E PREMI

Le opere vincitrici (un racconto e un disegno) saranno pubblicate sul numero 5 del Corriere del Mystero e gli autori riceveranno in premio 100€, oltre naturalmente una copia della rivista. Inoltre, risulteranno iscritti ad A.Mys per l’anno successivo nella categoria di soci Sostenitori.

Il secondo e terzo classificato verranno pubblicati on line e riceveranno uno dei libri di A.Mys.

La giuria del Premio si riserva di non identificare un vincitore, qualora il livello delle opere presentate fosse non adeguato ovvero di indicare vincitori ex-aequo qualora si ravvisasse una parità di valori; in tal caso, tutti i racconti e i disegni ex-aequo saranno pubblicati sul Corriere del Mystero.

A.Mys si riserva, dietro segnalazione della giuria e previo accordo con gli autori, di trattenere per la pubblicazione (sempre sul Corriere del Mystero o su eventuali altre pubblicazioni da essa curate), altri racconti e disegni ritenuti degni d’attenzione.