sabato 10 aprile 2021


SABATO 10 APRILE 

Prima prova: la vostra collezione!

Benvenuti alla prima tappa del MYTH, la mirabolante caccia al tesoro organizzata da AMys: in questa prima prova, vi chiediamo di mostrarci la vostra passione per il BVZM inviandoci una foto della vostra collezione di Martin Mystère! Avete accumulato albi su albi nel corso del tempo? Questa è la prova che fa per voi! Avete iniziato solo da poco a seguire le avventure del Detective dell’Impossibile? Non tiratevi indietro e partecipate numerosi: non conta il numero di albi che possedete, una collezione di Martin Mystère è sempre speciale! 

Avete tempo fino a venerdì 16 aprile a mezzanotte per farci avere alla mail caccia.tesoro.myth@gmail.com le vostre piccole o grandi, elaborate o semplici, complete o incomplete collezioni di albi, corredate o meno con ninnoli, gadget ma anche scevre di qualsiasi cosa.

Saranno valutate la velocità, ma anche la simpatia e in fondo chissà cos'altro ancora: colpiteci!

Appuntamento a sabato prossimo con la II prova. A meno che non ci siano delle ricorrenze speciali in questa settimana, nel qual caso, tenete d'occhio questo blog.


 

mercoledì 7 aprile 2021

Incubi bufi!

Scoperta sensazionale!!!!! Continua a leggere per saperne di più!!!!

Gli eventi dell'episodio Incubi! (Martin Mystère n.373) hanno un clamoroso precedente?

Osservate bene le tavole che seguono: è solo un'impressione o appaiono come una sinistra profezia? o è la zia del prof? il prof. è zia? Impressionante.

La conturbante sequenza, tratta dall'episodio Balenghi dallo spasio profondo della serie I grandi enigmi di Martin Mystère Bufo, Detective del poco probabile, pubblicata nel n.86 del mensile Cattivik (ed. Macchia Nera) dell'Ottobre 1996, tratta di argomenti ben noti ai lettori di Martin Mystère Non Bufo. Anzi, più che tratta, galappa!

Non è forse un agire contraddittorio, quello del BVZMMB, razionale ed emotivo, pari a quello del BVZM di Incubi!? Non è forse l'assistente del BVZMMB a perire, come l'assistente del BVZM che muore in Incubi!? Non è forse, questo, uno spoiler degli eventi di Incubi!?

Il mysterioso autore, che si firma Pitore di Santini, è esso stesso un mystero: secondo taluni, si tratterebbe nientemeno che di A. C., ben più noto alle grandi masse per altri suoi lavori; secondo talatri, sotto lo pseudonimo si nasconderebbe, tutt'al più, il F. A., altresì celebre per ben altre produzioni. In entrambi i casi, Martin Mystère Bufo ne costituirebbe il testamento artistico.

sabato 3 aprile 2021

Il MyTH: la Prima Caccia al Tesoro del Mystero

AMys lancia la prima caccia al tesoro del mystero: il MYstere's Treasure Hunt!!!

La caccia partirà il 10 di aprile e vi terrà compagnia per parecchie settimane, dandovi la possibilità di portarvi a casa una pletora di premi non indifferenti: tre disegni su commissione (il tema lo deciderà il vincitore) ad opera di tre grandi autori di Martin; due tavole originali che faranno la gioia dei fan del BVZM; una pubblicazione introvabile (vi lasciamo nel mystero...) che fa gola a tanti; alcune produzioni ormai esaurite di AMys. Insomma, ce n'è per tutti i gusti.

La gara consisterà di vari quesiti che metteranno alla prova tutti i tipi di mysteriani, dai semplici lettori agli amanti della continuità, dagli accumulatori di gadget ai semplici fan. Ci saranno prove di velocità, di conoscenza, di collezionismo, quiz, enigmi e molto altro ancora. Quindi la caccia è aperta davvero a tutti.

Ogni settimana pubblicheremo su questo blog una domanda (che verrà poi reclamizzata su FaceBook, Mailing List, Forum e via email) cui andrà data una risposta via email all'indirizzo caccia.tesoro.myth@gmail.com.

I Soci in regola con l'iscrizione accederanno gratuitamente alla competizione, mentre i non iscritti dovranno versare una quota di partecipazione pari a 20 euro.

Di seguito il regolamento completo.

Il Mystere’s Treasure Hunt (ovvero la Caccia al Tesoro di Martin Mystère), abbreviato anche in My.T.H., è organizzato dall’Associazione Culturale A.Mys. e si svolgerà da Sabato 10 aprile alle ore 15.30 a Sabato 26 giugno alle ore 24.00.

Art. 1 – Scopo del gioco

La Caccia al Tesoro ha lo scopo di coinvolgere tutti i lettori di Martin Mystère in un gioco per conoscere meglio il loro paladino e conoscersi meglio gli uni gli altri.

Nel corso della gara sarà necessario superare prove di osservazione, ingegno, cultura, velocità, giochi di logica, enigmistica, ricerca, risoluzione di enigmi, indovinelli di cultura generale e improvvisazione al fine di accumulare punti. Per poter permettere a tutti di partecipare vi saranno diversi livelli di difficoltà delle prove, da quelle semplici alla portata anche dei lettori occasionali, a quelle più complesse degne di un vero mysteriano.

Vincono i sette concorrenti che alla fine della caccia avranno accumulato più punti.

Art. 2 – Territorio di caccia

Le prove saranno pubblicate sul blog https://fandommartinmystere.blogspot.com/ ogni sabato pomeriggio. Subito dopo ne verrà quindi data notizia sia via mail che sui vari social group gestiti dall’Associazione.

Le soluzioni andranno mandate entro il successivo sabato alle ore 12.00 alla mail caccia.tesoro.myth@gmail.com . Qualunque difformità da quanto qui indicato renderà automaticamente nulla la risposta stessa.

Nel presentare la domanda successiva verranno fornite anche le eventuali soluzioni corrette.

Vi saranno anche tre prove straordinarie infrasettimanali per le quali rimarrà inalterato il “territorio di caccia” (luogo e modo di pubblicazione), ma le cui scadenze saranno forzatamente diverse e quindi esposte di volta in volta sul blog.

Art. 3 – Partecipazione e iscrizioni

La Caccia al Tesoro è aperta a tutte le persone che hanno voglia di divertirsi, previa iscrizione. Non si pongono vincoli precisi, eccetto l’obbligo di essere un adulto maggiorenne.

L’iscrizione è gratuita per tutti i soci di A.Mys. in regola con l’iscrizione all’Associazione nel momento dell’invio della prima soluzione. Comunque, l’iscrizione esplicita entro l’inizio della caccia alla mail caccia.tesoro.myth@gmail.com dà diritto a un punto in più in classifica.

Potranno inoltre iscriversi anche esterni all’Associazione, previo pagamento di una quota di iscrizione di 20€ su uno dei canali finanziari di A.Mys., dandone poi notizia con mail all’indirizzo caccia.tesoro.myth@gmail.com

La partecipazione alla Caccia al Tesoro comporta per i partecipanti l’accettazione incondizionata e totale delle regole e delle clausole qui stabilite, senza limitazione alcuna.

Art. 4 – Modalità del gioco

La caccia si compone di 12 prove regolari (una alla settimana, il sabato nel primo pomeriggio) e di 3 prove speciali infrasettimanali.

Non è obbligatorio rispondere a tutte, seppure più prove saranno affrontate, più possibilità vi saranno di vittoria.

Art. 5 – Assegnazione dei punti

Alle prime 5 risposte esatte verranno assegnati a scalare 10, 8, 6, 4 e 2 punti.

Sono inoltre previsti punti bonus a discrezione della giuria per premiare l’originalità, la velocità, la simpatia.

Alla fine della Caccia al Tesoro, i punteggi di ciascun partecipante verranno sommati delineando una classifica.

Art. 6 – Premi

Al termine della Caccia al Tesoro, la Giuria dichiarerà vincitrici le sette persone che avranno accumulato più punti.

Al 1° classificato verrà assegnata una commission di Rodolfo Torti;

Il 2° classificato riceverà una commission di Vito Rallo;

Al 3° classificato andrà una commission di Francesca Palomba;

Il 4° classificato riceverà una tavola originale di Giovanni Freghieri;

Al 5° classificato verrà assegnata una tavola originale di Alfredo Orlandi;

Il 6° classificato riceverà l’albo del team-up di Zirmani con allegato il mazzo di carte;

Al 7° classificato andrà un portfolio di Lucio Filippucci prodotto da A.Mys.

A tutti i partecipanti verrà comunque assegnato un attestato di partecipazione.

Art. 7 – Aiuti

È consentito avvalersi di telefoni cellulari, smartphone, internet, navigatori satellitari, libri, dizionari ed usufruire della collaborazione di parenti, amici o altre persone disponibili a fornire indicazioni utili.

Art. 8 – Penalità e sanzioni

Ogni partecipante deve comportarsi lealmente. La persona che ostacola i concorrenti viene squalificata. Gli organizzatori, con giudizio insindacabile, possono decidere l’eliminazione di un concorrente o l’applicazione di penalità consistenti in detrazioni di punti.

Art. 9 – Responsabilità dell’Organizzazione

Gli organizzatori non si assumono alcuna responsabilità in merito ad atti e/o comportamenti, compiuti nel corso della manifestazione, che si possano configurare come violazioni delle vigenti leggi civili e penali. Né si assume responsabilità per infortuni o danni capitati ai partecipanti e/o a terzi; pertanto esclude ogni forma di rimborso, sia a titolo parziale che totale.

Art. 10 – Trattamento dati personali

I partecipanti, aderendo all’iniziativa, acconsentono che i loro dati personali siano trattati ai sensi del D.L. 196 del 30.06.2003, utilizzandoli esclusivamente per lo svolgimento di questa manifestazione. Titolare del trattamento dati personali: A.Mys.

Per informazioni: caccia.tesoro.myth@gmail.com

 

martedì 30 marzo 2021

Anteprima: Martin Mystère n. 376 - "Come ai vecchi tempi"

Martin Mystère n. 376

"Come ai vecchi tempi"

Di Carlo Recagno e Fabio Grimaldi

96 pagine

Migliaia di anni fa: ai tempi dell'impero di Mu, ha luogo un duello tra l'imperatrice Amaterasu e un personaggio noto come "il dio delle tempeste"... Oggi: qualcosa spinge Martin Mystère a ripercorrere il suo passato, fatto di successi, sconfitte, trionfi e tragedie. Quale "mystero" resta ancora da scoprire? E che cosa si nasconde dietro un artefatto appena arrivato a New York dal Giappone? Il Detective dell'Impossibile dovrà attingere a tutto il suo coraggio per trovare la forza di affrontare il futuro...

lunedì 29 marzo 2021

Un salto nel mystero - 2020 - "Il segreto di Jane Michener"

Terzo classificato con menzione d'onore per il lavoro di ricerca al concorso narrativo del 2020 di AMys, vi riproponiamo "Il segreto di Jane Michener" in un nuovo post, in quanto il corposo dossier che lo accompagnava era da noi stato riprodotto in immagini di risoluzione inadeguata. Come già avevamo scritto, si tratta di un lavoro di ricerca estremamente accurato, che si articola in due sezioni fondamentali: la prima consiste in un elenco di tutte le apparizioni di Jane Michener nelle pagine delle testate di Martin Mystère, mentre la seconda è una rubrica della tradizione più mysteriana, che analizza e documenta ciò che c'è di vero e di inventato nel racconto che segue, spaziando da James A. Michener al pallone sonda, dai raggi cosmici a Roswell. In formato PDF, è scaricabile qui: Jane Michener: il dossier completo.


 IL SEGRETO DI JANE MICHENER

GIOVANNI GADDONI

giugno 2020

"Non siamo mai preparati a ciò che ci aspettiamo"
James A. Michener

Giornata fredda e uggiosa a New York quel giovedì 16 ottobre 1997. Martin Mystère, il famoso Detective dell'Impossibile, l'aveva trascorsa rimettendo in ordine per l'ennesima volta la strabordante biblioteca del suo appartamento di Washington Mews, ed ora si trovava solo, in attesa di vedere alla TV il notiziario della sera. La moglie Diana era uscita per la riunione settimanale dell'Assistenza Sociale, mentre il fedele assistente neanderthaliano  Java si era recato con una nuova amica all'inaugurazione di un ristorantino alla moda a TriBeCa. Stava sfogliando il New York Times del giorno, che per la prima volta aveva una foto a colori in prima pagina, - "La foto di un incontro di baseball ... Avrei trovato più adeguata un'immagine della sonda Cassini-Huygens lanciata ieri da Cape Canaveral verso Saturno ...!" pensò - quando il campanello, inaspettato, squillò ripetutamente.

Una signora di quasi cinquant'anni ben portati, i capelli biondi spettinati, il viso bello e regolare senza trucco, gli occhi azzurri arrossati, un tailleur ed un leggero soprabito di buon taglio, ma sgualciti e spiegazzati, era alla porta: "Jane... Jane Michener !!!" esclamò Martin facendola entrate.
Martin conosceva Jane da più di trent'anni, quando, seppure in diversi corsi, frequentavano, insieme all'amico Chris Tower, l'Università Harvard nel Massachusetts; lei si laureò in Medicina e Chirurgia, specializzandosi successivamente in Neurochirurgia, Psicoanalisi e Biocibernetica; quindi sposò Chris, che già lavorava per imprecisate strutture governative; quando nel 1987 Chris assunse il comando della base segreta di Altrove, lo seguì, andando a dirigerne la sezione medica.
Ora, nonostante l'amicizia di vecchia data, e nonostante i frequenti rapporti di lavoro con il marito Chris, Martin si rese conto che non vedeva Jane da anni, solo qualche telefonata e niente più; addirittura Jane non conosceva di persona ne' Diana, e neppure Java; perciò fu molto sorpreso quando Jane, sconvolta, gli gettò, quasi piangendo, le braccia al collo.
"Martin, è tutto il pomeriggio che viaggio; ho preso l'aereo ad Austin, nel Texas, per raggiungerti qui a New York il prima possibile; Chris è assente per un incarico ultrasegreto e tu sei l'unica persona a cui ora posso confidare quanto è accaduto. Stamattina come saprai è morto a novant'anni di età il mio prozio James..."
In realtà Martin non era a conoscenza del luttuoso evento, ma sapeva vagamente della parentela di Jane col famoso scrittore James Albert Michener, autore di numerosi romanzi e saggi.
"Bene - continuò Jane - mettiti comodo ed ascolta attentamente, perché quello che sto per raccontarti è davvero incredibile !"
Jane si tolse il soprabito, si rassettò alla meglio, sprofondò nella comoda poltrona con la fodera a grosse righe, ed iniziò la sua strabiliante narrazione.

"Nel cuore di ieri notte mi hanno chiamata dall'ospedale di Austin, avvisandomi che lo zio James, ricoverato da qualche giorno, intendeva parlarmi di persona con estrema urgenza; lo zio, o meglio, il prozio, James era il fratello minore del mio nonno paterno Robert; nacque nel 1907, e fu cresciuto da una madre adottiva, Mabel Haddock, da qualche anno vedova di Edwin Michener, e già madre del piccolo Robert. Pur vivendo in  condizioni di povertà, riuscì a conseguire una laurea in Storia Inglese, divenendone infine insegnante presso l'Università Harvard. Viaggiò molto, ed allo scoppio della Seconda Guerra Mondiale si arruolò nella Marina Militare, svolgendo ruoli organizzativi e di intelligence nel Sud Pacifico. Al ritorno dalla guerra scrisse il suo primo romanzo, dando inizio ad una lunga carriera che gli procurò fama, successo e pubblici riconoscimenti. Questo, come tutti, è ciò che più o meno, fino a ieri, sapevo di lui."
"Finora niente di sconvolgente ..." annuì Martin.
" A metà mattina gli ero davanti, dopo che un medico mi aveva informato che lo zio, costretto da anni ad una emodialisi quotidiana per una grave insufficienza renale, stanco di quella vita di sofferenze e sacrifici, aveva deciso pochi giorni prima di rinunciare a quell'unica pratica terapeutica che consentiva di tenerlo in vita, e di affrontare così, con serena e consapevole volontà, l'inevitabile trapasso. Senza preamboli, con un filo di voce iniziò il suo discorso: mi narrò che nei primi giorni del luglio 1947 un suo ex-collega dell'intelligence della Marina Militare gli aveva chiesto un favore che non poteva rifiutare: di prendersi cura di una bambina, una trovatella di pochi giorni di vita , che non avrebbe potuto avere un'altra sistemazione ufficiale; lo zio inizialmente rifiutò, dato che il matrimonio con la moglie Patti era ormai agli sgoccioli, ma poi trovò l'accomodamento di farla accogliere e crescere dalla famiglia del nipote Bob, figlio del fratello maggiore Robert Michener, con l'intesa di non rivelare mai a nessuno la sua origine. E così fu: quella neonata ero io, fui battezzata Jane Annabel e crebbi felice nella famiglia Michener, ignara fino ad oggi di quanto in realtà mi era accaduto."
"Sono fatti che possono talvolta succedere: non ci vedo ancora alcunché di terribile." replicò Martin per consolarla.

"Quindi lo zio, con le ultime forze rimaste, mi ripeté due volte: "... l'altro bambino ... l'altro bambino...", e poi: "... cercalo ... trovalo ..."; vedi Martin, sicuramente voleva fornirmi delle informazioni, degli indizi ... ma  alla fine quello che disse divenne incomprensibile; capivo che lo zio James cercava di comunicarmi qualcosa di importante, anzi di indispensabile, a conclusione del suo inaspettato discorso e della sua lunga vita terrena; ma nulla ho potuto intendere da quelle parole smozzicate, confuse, prive di senso logico. Evocò parenti sconosciuti di nobile ascendenza, vaneggiò  di una piccola e ridicola umanità privata della luce, in lotta con una buffa società di centinaia di minuscoli scheletri, citò l'orrore del colonnello Kurtz, e infine, spossato, invocò un medico, poi il silenzio .... Quindi, su quel letto di morte all'ospedale di Austin, nonostante l'avesse voluto e previsto,  giunse impreparato a concludere la narrazione dei misteriosi eventi che solo in parte riuscì a rivelarmi."
Ciò detto,liberatasi dall'enorme peso che l'opprimeva, Jane si alzò e senza alcun convenevole si fece chiamare un taxi ed uscì.

Martin rimase interdetto da quell'insolito comportamento, ma, sebbene scosso e sorpreso, cadde in un sonno profondo fino al mattino, quando ancora una volta il campanello squillò: era l'amico Chris Tower, che esordì brusco: "Stanotte sono tornato e Jane mi ha raccontato tutto; subito ho contattato Altrove e ho fatto eseguire approfondite ricerche, di cui questo è il risultato: il 2 luglio a Roswell precipitò davvero un pallone sonda, ma di un tipo assai particolare. Al suo interno furono infatti recuperati due neonati, un maschio ed una femmina, protetti da una complessa tuta e da un casco che lasciava esposte solo alcune zone del cranio. Abbiamo appurato che il lancio avvenne dalla neofondata Area 51 del traditore Ben Maxwell, già capo di Altrove; la stessa Altrove, sotto la debole guida di "Milady", e forse già parzialmente infiltrata dagli Uomini in Nero, non riuscì neppure ad aver sentore del progetto. Lo scopo era, in vista di futuri sviluppi sulla manipolazione della personalità e sulla creazione di una sorta di superuomini, di testare l'effetto dei raggi cosmici nella stratosfera, in condizioni di ipotermia ed iperossigenazione, su particolari aree del cervello neonatale, più sensibile e plasmabile di quello di un adulto. In particolare i raggi avrebbe dovuto stimolare nella femminuccia l'area parietale  sinistra dell'encefalo, deputata alla matematica, al calcolo e alle scienze, e l'area temporale destra del maschietto, sede delle capacità creative e narrative, del mistero, dell'immaginazione. Qualcosa però andò storto e il pallone si schiantò al suolo in fase di rientro; uomini di Maxwell accorsero sul luogo e prelevarono i due neonati, fortunosamente ancora in vita, non prima però che qualche persona di passaggio avesse osservato il tutto; e forse furono le particolari tute ed i voluminosi caschi indossati dai due neonati ad ispirare l'immagine degli alieni che circolò in seguito. Comunque Maxwell, dopo averli fatti sommariamente esaminare, in un soprassalto di umanità preferì non sopprimerli ma farli scomparire in altro modo, affidando Jane, che poi, forse proprio grazie ai raggi cosmici, svilupperà effettivamente le qualità previste, a James Michener, ignaro collaboratore di Altrove durante la Seconda Guerra Mondiale. Del maschietto invece si è persa qualsiasi traccia: avrà sviluppato anche lui delle specifiche qualità diventando, ad esempio, un famoso narratore del fantastico o dell'horror ? Avevamo perciò pensato a Stephen King, il famoso scrittore, ma una serie di documenti e di testimonianze inoppugnabili ci hanno fatto scartare questa ipotesi.

Allora ad Altrove abbiamo esaminato con grande attenzione il video e l'audio della telecamera installata nella stanza dell'ospedale di Austin dove  al momento del trapasso era ricoverato James Michener; speravamo di risalire all'identità del misterioso secondo neonato, ma quanto ne è risultato è sorprendente, ma inutile: parole e nomi davvero buttati lì senza senso e logica. Questa ne è l'esatta trascrizione: zio boris, aristocratici, omino bufo, l'ombra, comics club 104, scheletrino, horror, otto kruntz; infine un nome che appare sensato, Doc Robinson, ma abbiamo appurato che nessun medico con quel nome ha mai lavorato ad Austin."
Quindi caro Chris - concluse Martin - i tuoi sforzi sono stati vani e la rivelazione finale di James Michener è rimasta incompleta; l'identità del secondo neonato rimarrà purtroppo per sempre sconosciuta. Questo enigma è troppo anche per me. Non credo proprio che esista una sola persona al mondo in grado di risolverlo!"

FINE ?

venerdì 26 marzo 2021

Get a Life #60.1: The Architects of the Hollow Earth (aka Martin Mystère #115 quater)

Get A Life (the fancomic miniseries NOT presented by Martin Mystère) does NOT present episode #60.1,

The Architects of the Hollow Earth 

(aka Martin Mystère #115 quater) in English.

The second installment of issue #60 is here-- a backup story which is actually longer than the main comic!

Hugo Meister has set his dire plan in motion, and Xenia has left for Earth-- but many questions are still waiting for an answer.
What is the secret behind the Stone Ring technology? What's the real price that is being paid for controlling the Ley Corridors?
And who better than Sulka Nanazca to provide the answers? The Hollow Hearth's true master barges in to mete out a sentence that will weigh heavily on the Nazi occupiers-- and he's not alone!
The three Hollow Earth Architects are reunited, and more pieces of the puzzle fall in place: meet Ba-wah and Janunkan, the two enigmatic women that will decide the Hollow Earth's fate!
And there' more, as the Verwustung Oberst walks the corridors of Meister's castle! Where did this masked Nazi officer come, and more importantly, what is his destination?

In case the thumbnails are failing to work again, you can check out
the GaL 60.1 Journal (scroll it down to read the pages)
or click on each page (if you want to read the backstory notes with information about History, mythology, Martin Mystère, continuity and so on):
cover - page 1 - page 2 - page 3 - page 4 - page 5 - page 6 - page 7 - page 8 - page 9



Art by Joel Sousa.
English edits by Joe Teanby.
Story & lettering by Franco Villa.

Want more? Here is the Get a Life! episode index.


In this issue: Al centro della Terra (Martin Mystère n. 115 bis), Il giardino del diavolo (Martin Mystère nn. 165-166), I figli del sogno (Martin Mystère nn. 27-28), Moha-Moha (Martin Mystere nn. 35-36), La città delle ombre diafane (Martin Mystere nn. 17-18-19), Neanderthals, Kunanjun, Dreamworld, Ley Lines, Potnia Theron, Nazis.

giovedì 11 marzo 2021

Get a Life #60.0: The Hollow Earth Conspiracy (aka Martin Mystère #115 quater)

Get A Life (the fancomic miniseries NOT presented by Martin Mystère) does NOT present episode #60.0, The Hollow Earth Conspiracy (aka Martin Mystère #115 quater) in English.

The secret of the Hollow Earth's Wiedergeborene Thule (a Nazi-controlled region) is about to be revealed, as the mysterious and powerful Xenia is summoned by the region's ruler, Hugo Meister.
 
This WW II commander plans to infiltrate present-day Earth... but what means will allow him to move through space and time? True to his mission of searching for mythical artifacts for Hitler, Meister has set his eyes on... the Z Stone!

 
 
 
 
 
In case the thumbnails are failing to work, you can check out
the GaL 60.0 Journal (scroll down to read the pages)
or click on each page (if you want to read the backstory notes with information about History, mythology, Martin Mystère, continuity and so on):
page 1 - page 2 - page 3 - page 4 - page 5.

.

Art by Joel Sousa.
English edits by Joe Teanby.
Story & lettering by Franco Villa.

Want more? Here is the Get a Life! episode index.

In this issue: Al centro della Terra (Martin Mystère n. 115 bis), Il giardino del diavolo (Martin Mystère nn. 165-166), Il triangolo del Diavolo (Corriere del Mystero n. 2), Ley Lines, Potnia Theron.